In Ricordo di Heather Dawe

Condividi
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In una giornata estiva del lontano 1975 come sempre si stava giocando a racchettoni sulla battigia davanti al nostro Bagno 18 e come sempre al passaggio di interessanti ragazze ,anche questa volta, vedendo una bella donna dai lunghi cappelli biondi che stava per bagnarsi per la prima volta nel nostro mare le arrivò vicino la nostra palla da tennis .

Scoprii così il suo primo sorriso e la sua gentilezza quando mi riportò la palla.
“Your name is Heather ? You are Canadian ? “.
Dalla risposta affermativa fu così che conobbi finalmente la mia cognata “no in law” con la quale abbiamo sempre scherzato su questo termine inglese perché non aveva ricevuto l’ anello nuziale .

Mio cognato Guido la conobbe nel gruppo di studentesse canadesi che il prof. Ciavolella ,riminese e insignito nel 2016 del Sigismondo d’oro , aveva portato a Rimini in un viaggio di studio. Da quel giorno sono passati 42 anni e Heather è rimasta sempre la nostra cognata e per Sara la sua zia .

Visto da fuori il rapporto tra Heather e Guido ha avuto momenti più o meno altalenanti di condivisione di una vita ma tuttavia questi si sono mantenuti sempre fraterni specialmente in questo ultimo periodo della sua malattia.

Quel “fulmine” caduto dal cielo che andò a colpire mio cognato inviandolo al Pronto Soccorso in una notte d’estate infatti ferì leggermente anche Heather, che gli era al suo fianco….. c’era lei e non altre .

Rimini per Heather è stata veramente la sua città e lei si rese conto subito che il Canada per tanti di noi era sempre stata una Terra amata fin da bambini quando usavamo le matite colorate delle “Giubbe Rosse a cavallo” per arrivare alla Liberazione della Città,nella Seconda Guerra Mondiale da parte delle truppe canadesi .

Sicuramente l’arte culinaria di mia suocera “nonna Rosina” fu maggiormente arricchita con l’aggiunta nei suoi ricordi di questa armata canadese che ora si ripresentavano nella sembianze della morosa di suo figlio.

Anche per la mia famiglia il Canada è sempre presente perché nella casa datata 1930 dove abitiamo, in via Flaminia, le truppe canadesi ,durante la liberazione, posizionarono proprio il loro Quartier Generale.

Ecco dunque che con l’Heather ci arrivò direttamente il Canada a Rimini e in tutto questi anni sia i suoi fratelli , parenti e amici vennero,per merito suo, a scoprire le bellezze della Romagna oltre che il nostro mare.

Heather ha avuto una bellissima dote,che non tutti noi abbiamo, una virtù presente anche nella sua attività lavorativa : quella di cercare in ogni modo di mettere a proprio agio sia nel tempo libero sia nel lavoro i tanti amici e i tanti congressisti che hanno trovato in lei quell’ Hostess di un volo di linea sempre sorridente anche se l’aereo si trovava a rischio caduta.

Non c’ è stata mai una volta che non amasse chiedermi di portare a cena i suoi ospiti per fare conoscere le famose tagliatelle della Canonica oppure di organizzare un tavolo vicino al caminetto della Tenuta Amalia o di gustare il pesce dal Matto …..come in tanti altri posti che sarebbe lungo menzionare.

Heather era felice se gli altri erano felici e in queste settimane non potendo muoversi più dal letto in Ospedale ,nel dormiveglia provocato dalla malattia mi ha chiesto ancora una volta : “come è andata la cena? “ ma mi ha anche detto quando le tenevo la mano “ Sono tanto stanca di non stare più bene”.

Ciao Heather !

Sergio Giordano

 

Geoffrey Dawe (il fratello) in sua memoria riporta:

Raramente durante la nostra vita siamo fortunati ad incontrare qualcuno così speciale, raggiante, affettuoso, gentile e appassionato come la nostra cara Heather, che purtroppo è morta il 18 giugno a Rimini, in Italia per un tumore alle ovaie. Lei era il fulcro della sua famiglia e del suo universo, amata da cosi ‘ tante persone in tutto il mondo.

Nata il 18 febbraio 1955 a Montreal, in Canada, Heather era la figlia maggiore di Harding Dawe e Anne (Chinkiwsky) Dawe. . Lascia nel dolore a Toronto la madre Anne, il fratello Geoffrey (e Wendy),la sorella Laurie ,la cugina Debbie a Ottawa, e la cognata Debra, la nipote Whitney and il nipote Jack of California.

L’ ultimo giorno di Heather e ‘ coinciso con l’anniversario della morte di suo padre Harding e solo cinque settimane prima c’era stata l’improvvisa scomparsa di suo fratello Stephen. Non abbiamo alcun dubbio che insieme agli zii, Billy, James, Jack, zia Monica e i nonni, Stephen,la nostra Heather e suo padre stiano avendo ora una riunione amorevole in Paradiso e si stiano godendo un grande piatto di deliziose tagliatelle.

Il suo passaggio lascia un profondo e triste vuoto a Rimini, dove sarà sentita la sua mancanza dalla famiglia italiana di sua cognata e cognato, Carla e Sergio Giordano, Guido Forcellini, Loris Sarti, Daniela Vasi,Raffaella Baldelli , Anna Merli e famiglia, dalla famiglia Moretti, dalla famiglia Morolli e Grossi. Questi e numerosi altri amici italiani hanno salutato la loro amata Heather al suo funerale a Rimini avvenuto in Italia il 21 Giugno. Anche i suoi numerosi amici del Canada e della California hanno tristezza nei loro cuori, ma sono grati per aver incontrato Heather nella loro vita, compresi i suoi cugini, i suoi zii Hugh, Mike, Ray, e le zie Betty, Mamie, Fran , Gayle e Danielle.

Fino a 19 anni, Heather visse in Canada e in California, dove era la forza motrice di tutti i raduni di famiglia, la ragazza Pon Pon e la Principessa delle feste da ballo in California (tutti ricordiamo gli anni ‘ 1970, non e ‘ vero?) Il suo percorso di vita è stato non programmato e piacevole quando, in un viaggio universitario a Roma,nel 1975, incontrò Guido Forcellini, e così decise che l’Italia doveva diventare la sua casa. Per 35 anni Lei e Guido fecero una vita insieme e anche se negli ultimi vissero separati, Guido si è dedicato a Lei in questi ultimi mesi e stando al suo capezzale quasi ogni notte.

Heather ha lavorato in Italia nell’industria della Moda sia a Rimini e Milano negli anni ‘ 1980, poi prese l’incarico di gestire l’attività professionale, le relazioni scientifiche e le conferenze del Dr. Mauro Merli (uno dei chirurghi dentale più considerati d’Europa). Con questa sua attività professionale ampliò la rete di amici e colleghi in tutta Europa e in tutto il Mondo.

Purtroppo le fu diagnosticato un carcinoma alle ovaie al “quarto stadio” più di tre anni fa, la diagnosi e le terapie sono riuscite a rallentarne l’evoluzione ma non a sconfiggerlo. Poi in queste ultime settimane della sua vita , Heather si è resa conto che il suo spirito di pensare “ positivo” non era in grado di superare e vincere questa malattia.

 


Condividi
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento