Categoria: Modi di dire e Dialetto Riminese

Oz a vuria pruvè ad spiéghè perchè a cuntenui a scrív sti vèc “dett dialètél”.
E prèim mutiv l’è pérchè um piès una gràn màsa e mi dialèt esénd stè l’onica lèngua che ho parlè fina i sèt àn.
E sgònd mutiv l’è avé capí che e dialèt ormai un si pò piô insgné t’àl scòli e al pardèm nu esèndie piô persòuni che il zcòr nè cantastorie che il decléma cum che faséva e grand”Giustiniano Villa”e tènt élt in zír pèr la Rumagna.
L’ónic sistema che ho truvè l’è zarchè ad”trasmètli”atràvèrs la gran semplicità di “dét dialètél”che i faséva pèrta dla cultùra e dla lengua parlèda da i nòst genitùr,nòn,bisnòn,ecc.ecc.
A nè sò se da st’àl quatri righi us pò ricavè un bràndèl ad mùrèla;mè a cùnclùd génd che al piènti l’ìn pò vìv senza radisi e,per nùn,al nost radisi l’è e “pasèd”e l’è mènda i là che vèin e nost “dialèt “.
—————–
Oggi vorrei provare a spiegare perchè continuo a scrivere questi vecchi”detti dialettali”.
Il primo motivo è perchè mi piace moltissimo il mio dialetto essendo stata l’unica lingua che ho parlato e sentito parlare fino ai sette anni.
Il secondo motivo è aver capito che il dialetto ormai non si può più insegnare a scuola e lo stiamo perdendo non essendoci più persone che lo parlano nè cantastorie che lo declamano come faceva il grande”Giustiniano Villa”e tanti altri sulle piazze della Romagna.L’unico sistema che ho trovato è cercare di “trasmetterlo” attraverso la grande semplicità dei “detti dialettali”che facevano parte della cultura e della lingua parlata dai nostri genitori,nonni,bisnonni,ecc.ecc.
Non sò se,da queste poche righe si può ricavare uno straccio di morale,io concludo dicendo che le piante non vivono senza radici e,per noi,le nostre radici sono il “passato”ed è da lì che viene il nostro “dialetto”.
RENATO FATTORI
Leggi altre frasi in dialetto sull’ebook di Sei di Rimini se

Scopri di più
Gen 16
E’ MIRÈCLI ‘D SANT’ANTONÌ

Sant’Antonì de’ baghèn, ho da banadì ste pèn, ch’ avrebb fe’…

Gen 11
Romagnolo lingua o dialetto?

L’Unesco ha pubblicato uno studio sulle lingue in via d’estinzione…

Gen 03
Frasi in dialetto riminese

A pèns che la saluta un è tót,ma tót l’è gnint sènza la saluta! (Penso che la…

Dic 27
Parole in dialetto romagnolo

La lingua romagnola, derivante dal gallo-italico, è caratterizzata dal valore delle…

Ott 22
ZVANEIN E MARIOZZA

Non dialogo interiore alla Joyce ma esteriore alla George, nel parco Marecchia. (Da…

Set 20
Che nomi hanno i pesci del nostro mare? In italiano e in dialetto.

Federica Zanni: Che nomi hanno i pesci del nostro mare? In italiano e in dialetto.…

Ago 24
Vari detti Romagnoli

Marco Eletto: Facciamo un bell’elenco in dialetto, con traduzione possibilmente,…

Giu 04
Alcuni modi di dire riminesi detti dai riminesi

Daniela Parma: Ogni volta che usavo il verbo “Credevo”, spesso per…

Mar 18
LA FUGARAZA

“ LA FUGARAZA …” Amarcord che da burdèl, calzun curt e poch cèrvèl,… quant…

Mar 11
La mi primavera

Daventi un pèsgh fiurid me a sò artorni ancora burdel: tremèza chi fiurtèin rosa come…

Mar 11
Dmènga tré d’Agöst:pièn,pièn uiè chès che cmínza l’instèda

Dmènga tré d’Agöst:pièn,pièn uiè chès che cmínza l’instèda,!!!. (Domenica…

Mar 05
Oz e mèr: Oz e mèr u s’è incazè, perchè a ne lasém stè

Questa mia zirudella (con traduzione in italiano), la dedico al nostro mare da…

Mar 04
Mércul quatre Mèrz: Bòna zurnèda ma tót!

Mércul quatre Mèrz (Mercoledì 4 Marzo) ——— Me lóm d’una…

Mar 03
Se chènta e gàl dop zèina e tèimp u s’arserèina

Martidè tre Mèrz (Martedì tre Marzo) ——— Sè tvó pasè sla spósa bèla…

Mar 02
L’è carg cumè la svèglia

Lundè dó Mèrz (Lunedì due Marzo) ———– L’è carg cumè la…