Dmènga ung Znèr: Per gnint un baja gnènca e chèn.

Dmènga ung Znèr
(Domenica 11 Gennaio)
———-
E pèr un zènghèn e in gni darà gnènca l’alòz.
(Sembra uno zingaro,non gli daranno nemmeno l’alloggio.Si diceva di chi,per l’aspetto trasandato,si presentava molto male anche se faceva parte di una normale famiglia.)
———-
L’è scarnid cumè un chèn da lëvre.
(È scarnito come un cane da lepre.Il levriero è noto come un cane slanciato e smilzo;il paragone con un ragazzo era molto chiaro.
———-
Me àn sò miga Paloni!.
(Io non sono mica Palloni!.Il detto significa che non ha ricchezze da permettersi certe spese.)
———-
E costa un scioc ad frósta.
(Costa uno schiocco di frusta.
Costa praticamente niente.)
————
Per gnint un baja gnènca e chèn.
(Per niente non abbaia neanche il cane.)
———–
Per un fasùl l’è sciupè un sumàr.
(Per un fagiolo è scoppiato un somaro.È un invito a non esagerare mai con il cibo.)
———-
Un gnè piò tèra da fè al palèini.
(Non c’è più terra da fare palline.Non c’è più niente da fare.)
———–
Bòna Dmènga ma tót!.
(Buona Domenica a tutti!.)
———-
Sa vòl di la parola”GNÒRGNA”?
———–

Renato Fattori

Commenti

Aggiungi un commento

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up