Frasi in dialetto riminese

Condividi
  • 90
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A pèns che la saluta un è tót,ma tót l’è gnint sènza la saluta!
(Penso che la salute non sia tutto, ma tutto è niente senza la salute!)

Quand che un us pèsa ma dòs, l’ha la vita ardòta a l’òss.
(Quando uno si piscia addosso, ha la vita ridotta all’osso.)

Quèll un sà òna piò de dièvul!
(Quello ne sa una più del diavolo!.)

Am so trov t’un mònd ad strúnz e ho duvù fè una vita ad mèrda!
(Mi sono trovato in un mondo di stronzi e ho dovuti fare una vita di merda!.)

Chi magna una màsa ad fróta e vèrdura e chèmpa bèin e a lòng e ddura.
( Chi mangia molta frutta e verdura vive bene e a lungo dura.)

Se un e fa la carita un ha da vantès per quèl che dà.
(Se uno fà la carità non deve vantarsi per quello che dà.)

Frènza o Spagna basta che us magna!.
(Francia o Spagna basta che si mangi!)

Quèl l’è piò sfòrtunèd d’un chèn tla cisa!
(Quello è più sfortunato di un cane in chiesa!.)

A CROID TE NOST SIGNOUR
Un casp ad radèc
ch’e’nass da sòta tèra,
la spóiga ad grèn
ch’la s’fa da una garnèla,
un fiour
se su prumóm,se su culour:
ecco perchè
a croid te nost Signour.

Un caspo di radicchio
che nasce da sotto terra,
la siga di grano
che si fa da un chicco,
un fiore
col suo profumo col suo colore:
ecco perchè
credo in nostro Signore.
———– ———-

Se us crèd tla”pruvidènza us pó dè ma jèlt e viv tl’abundènza.
(Se si crede nella “provvidenza”si può dare agli altri e vivere nell’abbondanza.)

Se tvè a durmì si chèn,t’at pò svigè s’al pòlsi.
(Se vai a dormire con i cani, puoi svegliarti con le pulci.)

E dièvul e fà al pgnàti ma un fà i quèrc!
(Il diavolo fa le pentole ma non fa i coperchi!)

A stag pènsand che per S.Stèfan,tót i fiùl i và a magnè da i gènitùr!
(Stò pensando che,per S. Stefano tutti i figli, vanno a mangiare dai genitori.)

Quand che un l’à piò ad 70 àn,sl’ài va bèin, l,à quèlc malàn!
(Quando uno ha più di 70 anni,se gli va bene ha qualche malanno!.)

Quànd che un màt e fa pèr sè, e l’abàsa la tèsta, e bèda ilè!
(Quando un pazzo lavora per sè, abbassa la testa e bada lì!.)

Chi urla piò fòrt l’à sèmpra la precèdènza!
(Chi urla più forte ha sempre la precedenza!.)

Se Nadèl ad zòbia e vèin e stà alègre e cuntadèin.
(Se Natale viene di giovedì stà allegro il contadino.)

Sta matèina a pansèva che i vèc e i burdèl znèin bsògna tnèi quèrt mólt bèin.
(Questa mattina pensavo che i vecchi e i bambini piccoli bisogna tenerli coperti molto bene.)

Quèl e va via impalèd che pèr chl’ava inguiè e sciadùr.
(Quello va via impalato che sembra abbia ingoiato il matterello.)

L’à piò còrni d’un gavagn ad lumèghi!
(Ha più corna di un cesto di lumache!)

L’è mèj avè i calzun rót te cúl che nè avè e cúl ròt e i calzun sén!
(È meglio avere i pantaloni rotti nel culo che avere il culo rotto e i pantaloni sani!.)

Us capès se un l’è manzèin quand che magna i taiulèin.
(Si capisce se uno è sinistro quando mangia i tagliolini.)

L’à una viàmènza cumè un gat ad piomb.
(Ha uno scatto come un gatto di piombo.)

A pèns che quèl un àva una gràn saluta, e pèpa cumè un pès fóra dl’àqua!
(Penso che quello non abbia una gran salute,boccheggia come un pesce fuori dall’acqua! )

La è tèndra cumè la giunchèglia.
(È tenera come la giunchiglia.)

L’eucalèpti, la rigulizia e la viola i fa pasè e mèl ad góla!
(L’eucalipto, la liquerizia e la viola fanno passare il mal di gola!.)

La misura dl’amòr l’è amè sènza misura!
(La misura dell’amore è amare senza misura!.)

I zcurs dla séra in va d’acòrd sa quèi dla matèina.
(I discorsi della sera non vanno d’accordo con quelli della mattina.)

Chi sèmna vènt l’arcòi tèmpèsta!
(Chi semina vento raccoglie tempesta!.)

Um ha fàt caschè e còr ma tèra!
(Mi ha fatto cadere il cuore per terra!.)

Quèla la bàt e cúl cumè la zghèla!
(Quella batte il culo come la cicala!.)

Chi un pèsa in cumpagnia o l’è un lèdre o l’è una spia.
(Chi non orina in compagnia o è un ladro o è una spia.)

L’è andè via a cul rèt!
(È andato via con il sedere ritto,indispettito!.)

Per fè che lavòr am sò fat un cùl cumè l’óra ad nòta.
(Per fare quel lavoro mi sono fatto un sedere come l’ora di notte.)

S’èt fat! Ut ha lichè la vaca?
(Cos’hai fatto!Ti ha leccato la vacca?.)

Quand che l’àzdòra la và in campagna, l’è pió quèl cla pèrd ad quèl cla guadagna.
(Quando l’azdora va in campagna, è più quello che perde di quello che guadagna.)

Tè va via intènt che la strèda la è sóta.
(Te va via intanto che la strada è asciutta.)

Chi ha e pèn un ha i dèint,chi ha i dèint un ha e pèn.
(Chi ha il pane non ha denti, chi ha denti non ha il pane.)

La dòna e la tèla l’in s giodica mai me lòm dla candèla.
(La donna e la tela non si giudicano mai al lume di candela.)

Quèl e fa la vita ad “michelaz”;e magna e bé e un fa un caz!
(Quello fa la vita di “michelaccio”;mangia,beve e non fa un cacchio!.)

Quand che us gòsta quèl che ui è us magna sèmpra cumè un rè.
(Quando si gusta quello che c’è si mangia sempre come un re.)

Chi ha d’àvè l’ha piò mèmoria ad quèl clà da dè.
(Chi deve avere ha più memoria di chi deve dare.)

Quèl un capès gnènca al tòzi!
(Quello non capisce nemmeno gli schiaffi!.)

E bèin un fa mai rumór, e rumór un fa mai bèin.
(Il bene non fa mai rumore, il rumore non fa mai bene.)

L’è cumè mèt la cravàta me baghin!
(È come mettere la cravatta al maiale!.)

Spès l’è e dò ad brèscla a fè vinz la partida!
(Spesso è il due di briscola a far vincere la partita!.)

L’òm e sa pèrdunè,ma snò e Signòr e sa zcurdè.
(L’uomo sa perdonare ma solo il Signore sà dimenticare.)

L’è sèmpra al ròdi guasti che al ciùla!!
(Sono sempre le ruote guaste che cigolano!!.)

E Signòr ut ha crèe sènza ad tè,ma un pò salvèt sènza ad tè.
(Il Signore ti ha creato senza di te,ma non può salvarti senza te.)

Se znèr l’è sót ui sarà e grèn per tót.
(Se Gennaio è asciutto ci sarà grano per tutti.)

L’è quand che us dvèinta vèc che us smèt ad zughè;o l’è quand che us smèt ad zughè che us dvèinta vèc?
(È quando si diventa vecchi che si smette di giocare; o è quando si smette di giocare che si diventa vecchi?)

La góla la ha e bús strèt mo la pò magnè chèsa e tètt!
(La gola ha il buco stretto ma ti può mangiare casa e tetto!)

Quatrèin e amicizia i da te cúl ma la giustizia.
(Soldi e amicizia danno nel sedere alla giustizia.)

L’à una faza ch’è pèr che tèta!.
(Ha una faccia da lattante!.)

Quèl l’è sèmpra s’ùn fig che magna al nèspli.
(Quello è sempre sopra un fico che mangia le nespole.)

L’è un che pèr fat slà sghèta.
(È uno che sembra fatto con l’accetta.)

Mè, pèr no savè nè lèz e nè scriv……….
(Io, per non sapere nè leggere ne scrivere,……………)

E gazòt in gabia s’ùn chènta per amòr e chènta per rabia.
(L’uccello in gabbia se non canta per amore canta per rabbia.)

Quèl e guèrda sèmpra ad spuntún cumè e bèrr!
(Quello guarda sempre in basso come l’ariete!)

Che burdèl e crèsc cumè e zis a mòl.
(Quel bambino cresce come i ceci a bagno.)

L’àt stà mèi d’un vistid nòv!.
(Ti stà meglio di un vestito nuovo!.)

Il ciamèva e”trio mundèza” fèma, són e dèbulèza.
(Lo chiamavano il “trio immondizia”:fame, sonno e debolezza.)

Tromba ad cul, sanità ad còrp.
(Tromba di culo, sanità di corpo.)

E pèl ròs, chi ne pròva i nè cnòs.
(Il pelo rosso, chi non lo prova non lo conosce.)

E chèn che l’avèva dó padrùn l’è mòrt ad fèma.
(Il cane che aveva due padroni è morto di fame.)

L’è piò sgustòs dla mèrda te lèt!.
(È più fastidioso della merda nel letto!.)

L’è andè via ad scaranèda.
(È andato via in fretta.)

La sènta trinità de gran lavuradór:carièra,sucès,sòld;l’ha sèmpra mucè ma us è zcòrd ad campè!
(La santa trinità del gran lavoratore:carriera,successo,soldi;ha sempre ammucchiato ma si è dimenticato di vivere!)

L’è mèi fè vòja che nè cumpasiòun.
(È meglio fare invidia che compassione.)

Nu bsògna campè per magnè e lavurè, ma magnè e lavurè per campè!
(Non bisogna vivere per mangiare e lavorare,ma mangiare e lavorare per vivere!)

La misèria la vó e su sfòg.
(La miseria vuole il suo sfogo.)

L’ha dó urèci ch’u si pùtria piantè e basélg.
(Ha due orecchie dove si potrebbe piantare il basilico.)

La guaza l’an fa cór i fòs.
(La rugiada non fa correre i fossi.)

E schèlda piò un sciafòun d’un gambòun ad furmantòun.
(Riscalda più un ceffone di un gambone di granturco.)

La vàca ad FAÉL fòrza ad lichè, l’às è magnè e vidèl!
(La mucca di Raffaele a forza di leccare si è mangiata il vitello.)

Quèl e zèrca sèmpra a gl’òvi da dò tórli!
(Quello cerca sempre le uova da due tuorli!)

La luna,sla gòba a lèvènt la è calènta;sla gòba a punèint la è crèscènta.
(La luna, con la gobba a levante è calante; con la gobba a ponente è crescente.)

La curèina la ha la bròca ma la schìna!
(Il garbino ha la brocca(dell’acqua) alla schiena.)

Iè cumè i bràz de dvanadùr che i cór, i cór e in ariva mai.
(Sono come i bracci del dipanatoio che corrono, corrono e non arrivano mai.)

Sta matèina a pansèva che la vita l’è un rigal e l’è per quèst che us cèma “prèsènt”
(La vita è un regalo ed è per questo che si chiama “presente”.)

Per sènza gnint un scròla la còda gnènca e chèn!
(Per niente non muove la coda neanche il cane!)

L’insalèda ad campagna l’às cunza quànd cl’às magna.
(L’insalata di campagna si pulisce”” quando si mangia.)

Nu t’àrènd mai;ad sòlit l’è l’útma cèva de màz clà vèrz la pòrta.
(Non ti arrendere mai;di solito è l’ultima chiave del mazzo che apre la porta.)

E dulór,se divís, us divíd;la fèlicità,se divísa, l’às radòpia!
(Il dolore, se diviso, si divide;la felicità, se si divide, si raddoppia!)

In Italia,nisùn lavór, us fà te tèimp e sé prèzi stabilid!!
(In Italia,nessun lavoro,si fà nel tempo e con il prezzo stabilito!!)

Per S.Martèin tót e mòst e dvèinta vèin.
(Per S.Martino tutto il mosto diventa vino.)

Per S.Martèin,d’atórne ma l’aròla,us sta za bèin!
(Per S.Martino,attorno al camino si sta giá bene)

Per S.Martèin i “BÈC”iè cuntèint pèrchè i misura i su “URNAMÈINT”!!
(Per S.Martino i “BECCHI”(cornuti)sono contenti perchè misurano i loro “ORNAMENTI”(corna)!!.)

Sta matèina a péns che la castità e putria ès ènca una fórma d’avarizia!
(Questa mattina sto pensando che la castità potrebbe essere anche una forma d’avarizia!)

L’ignurènza d’un analfabèta la è bròta,mo l’è pèz quèla d’un dutór!
(L’ignoranza di un analfabeta è brutta, ma è peggiore quella di un dottore!)

Per piasèr nu dasìm tènt cunsègli, a sò tènt brèv a sbajè da par mè!
(Per piacere non datemi tanti consigli,sono tanto bravo a sbagliare da solo!)

Savè zcòr l’è una virtó, savè stè zèt l’è sagèza, savè ascùltè l’è gènèrosità.
(Saper parlare è una virtù, saper tacere è saggezza, saper ascoltare è generosità. )

Un ‘s pò fé e bòia e l’impichèd.
(No si può fare il boia e l’impiccato. )

Pgnàta svuita e buchèl sót, l’è tristèza dimpartót! 
(Pentola vuota e boccale asciutto, c’è tristezza dappertutto!)

Amór e gèlosia i va spès in cumpagnia.
(Amore e gelosia vanno spesso in compagnia. )

Chi un è mai cuntèint e rèsta s’ àl mèni pini ad vèint.
(Chi non è mai contento rimane con le mani piene di vento. )

Pér rèalizè un insógni bsògna svigès! 
(Per realizzare un sogno bisogna svegliarsi!.

Quèi iè cumè agl’ópri ad S.Lena che a magnè al suda e a lavurè al tréma.
(Quelli sono come gli aiutanti di Santa Lena che a mangiare sudano e a lavorare tremano. )

L’è pió fèzli giudichè che fè!
(È più facile giudicare che fare)

Se è Signór un perdòuna e pchè dla frègna, in paradis ui mèt la lègna.
(Se il Signore non perdona il peccato sessuale, in paradiso ci mette la legna!)

Us impèra piò da la pratica che nè da la gràmatica.
(S’impara più con la pratica che con la grammatica. )

I vèr amig jè cumè al stèli che, ènca se t’an li vèd spès,’t sè pèrò che agl’è sèmpra ilè.
(I veri amici sono come le stelle che, anche se non le vedi spesso, sai però che sono sempre lì. )

Chi tròva un amig e tròva un tésòr, chi tròva un tésòr e tròva una màsa d’àmig.
(Chi trova un amico trova un tesoro, chi trova un tesoro trova molti amici.)

E va in galèra chi róba un lègn; e dvènta rè chi róba un regno! !
(Và in galera chi ruba un legno; diventa re chi ruba un regno!!!.)

La mòda la è sènza zarvèl, la compra e nòv e la bóta e bèl.
(La moda è senza cervello, compra il nuovo e butta il bello.)

La dòna cl’a mòv una màsa i fiènch, mèza putèna o pòc ad mènc.
(La donna che muove molto i fianchi, mezza puttana o poco meno.)

Cum stèt Minghin? A stàg cumè e pès te pajèr! 
(Come stai Domenico? Stò come il pesce nel pagliaio! .)

Ui da una grèzia cumè e chèn a magnè l’aj! 

(Ci dà una grazia come il cane a mangiare l’aglio! .)

L’ha una tèsta cumè la mazòla.
(Ha una testa come la mazzola; che è un pesce con la testa molto grossa.)

Utòbre, vèin e cantèina, da la sèra a la matèina.
(Ottobre, vino e cantina, dalla sera alla mattina.)

Se tvó stè bén t’è da Pisa da spèss cumè e chèn.
(Se vuoi stare bene devi orinare spesso come il cane.)

La dòna sènza tèti la è cumè e lèt sènza e cuscèin.
(La donna senza tette è come il letto senza il cuscino. )

D’utóbre, se e tèimp l’è bel, chèva e vin da e tináz e da e mastèl.
(In ottobre, se il tempo è bello, leva il vino dal tino e dal mastello. )

Ui è persòuni che l’in vèl un sòld quand che i n’à dó tla bascòza.
(Ci sono persone che non valgono un soldo quando ne hanno due in tasca. )

Utóbre pasèd, Jusèl i migra per nu arvanzè intrapulèd.
(Ottobre passato, gli uccelli migrano per non restare intrappolati. )

L’usèl ingord us è spuntè e bec
(L’uccello ingordo si è spuntato il becco!)

 

RENATO FATTORI

 


Condividi
  • 90
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento