Giovidé quatre Setèmbre

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giovidé quatre Setèmbre
(Giovedì quattro Settembre.)
————
Un ignurènt l’è sèmpra pió inzgnòs dal precauziòun che us ciapa perchè un fàza di dan.
(Un cretino è sempre più ingegnoso delle precauzioni che si prendono affinchè non faccia danni.)
———–
Quand che us curèz un sbai us vidrà che l’éra mèi prima!.
(Quando si corregge un errore si vedrà che andava meglio prima.)
————
Bsògna spulè e grén quand che tira e vént!.
(Bisogna levare la pula al grano quando tira il vento!.)
————
La piènt a sa tròp fròt la ni matura tót.
(La pianta con troppi frutti non li matura tutti.)
———–
La lengua l’àn à osi ma la li ròmp!.
(La lingua non ha ossa ma le rompe!.)
———–
L’avér l’è cumè e sumar che porta e vèin e bèv l’àqua !.
(L’avaro è come il somaro che porta il vino e beve l’acqua!.)
———–
Un òm cativ ad natura ul sarà fina la sepùltùra!.
(Un uomo cattivo di natura,lo sarà fino alla sepoltura!.)
————
Se un espèrimèint e funziouna sóbit l’è perché qualcosa l’è andè stort!.
(Se un esperimento funziona subito è perchè qualcosa è andato storto!.)
———–
Bóna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
———–

Renato Fattori


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento