La Polisportiva STELLA

La polispurtiva “STÈLA”
—————————
De di chèlz in t’un palóun
l’è sèmpra ste la mi pasiòun,
da S.Zvàn a l’OSAR SALÈSIEN
da la VIRTUS BELARIVA
te SAMIÈN(Savignanese),
ho zarchè da fèm unór
ènca se àn mi só fat sgnór !
Peró ho avù dal sudisfaziòun
che al vèl pió d’un miliòun.
Adès ho pàs da un po’ i
quarènta ma che tèrli um
è arvènz drèinta e sa vègh
zughè a palòun ec che
sòbit am emuziòun cumè
quand che andasèva a scola
sènza èsmi prèparè perchè
invèzi dla leziòun me
a studièva al furmazióun!.
Zèrt che i tèimp òz ià cambiè
Pèró i burdèl i vò zughè,
us l’insègna la natura che ui
è un tèimp per ogni cultura
e nisun ul cambiarà
finchè e mond e zirarà.
Ho fàt sta longa introduzióun
a mutiv dla pusiziòun che ho
ciapè me a San Zvàn du che e
prublèma l’èra d’iàn che
us mitèva in discusiòun .
Finalmèint,forza ad parlè,
stè gròs bógn l’à maturè
e nún avèm fàt prèsiòun
per curè l’infiamaziòun!.
Us è dicis,ma chi burdèl,ad
fèin zughè in te cùrtil ma
l’ombra de nost campanil
perchè t’àl stredi,al savèm tót,
che òz i tèimp is è fàt brót
e una catíva cumpagnia la
è pèz d’una malatia.
E salòun l’è stè atrezèd e
per i grènd,che in pó calzè,
ui è al bòci per zughè.
Dòp,sl’aiut d’un amigh,
Avèm arfàt la “STÈLA”
una sucièta sportiva che
a S.Zvàn ‘ài èra za e i pió
vèc zèrt i savrà cl’à s’è fata
sèmpra unòr tirand sö
fiòr ad zugadúr che sicur
j arcorda ancora mènda
du ch’iè scapè fóra.
Stàn a fasèm un campiunèd
sa tre squèdri ad burdlitèin
che in clasèfica in và bèin
perchè i ciapa di brudèt che
dal volti in stà pió rèt!
Per fè mòv al nost burdèli,che
insèin s’àl lori amighi al
s’era ardòti in òt o diès,
avèm fàt una squadrèta,
al fà e torneo C.S.I.ad
“PALLAVOLO”e la li purtèm
a zughè in zír per la zità
t’àl palestri dal scóli.
Tót ià dla bòna vuluntà
e,se tèimp,zèrt is farà.
Adès ui vó un po’ ad pazènzia
e zarchè da fèi capì che
is ha snò da divèrti,
da zarchè d’andè dàcord
e,sóratót,ai vlèm insgnè
che a pèrd bsògna savè fè
pió che ne savè zughè!!.
——————
La Polisportiva “STELLA”
——————-
Dare calci in un pallone
è sempre stata la mia passione, da S.Giovanni
all’OSAR SALESIANI,
dalla VIRTUS BELLARIVA
al SAVIGNANO (Savignanese)
Ho cercato di farmi onore anche se non mi sono arricchito.
Ho però avuto le mie soddisfazioni che valgono più di qualche milione.
Adesso ho passato da un po’ i quaranta ma quèl tarlo mi è rimasto dentro e, se vedo giocare a pallone, subito mi emoziono come quando andavo a scuola senza essere preparato perchè invece della lezione io studiavo la formazione!. Certo che i tempi oggi sono cambiati però per i bambini.

Renato Fattori

I Bambini vogliono giocare; c’è lo insegna la natura che c’è un tempo per ogni cultura e nessuno lo cambierà finchè il mondo girerà.
Ho fatto questa lunga introduzione per spiegare la posizione che ho preso a San Giovanni dove il problema erano anni che si metteva in discussione.

Finalmente, forza di parlare, questo grosso bugno è maturato e subito abbiamo fatto pressione per curare l’infiammazione.Si è deciso a quei bambini di farli giocare nel cortile all’ombra del nostro campanileperchè nelle strade lo sappiamo tutti che oggi i tempi si sono fatti brutti e una cattiva compagnia è peggio di una malattia. Abbiamo attrezzato il salone per i ragazzi e per i grandi che non possono calciare ci sono le bocce per giocare.

Con l’aiuto di un caro amico abbiamo rifatto la “STELLA”una società sportiva che a San Giovanni c’era già e i più anziani certo sapranno che si è fatta sempre onore tirando su fior di giocatori che di sicuro ricordano ancora da dove sono usciti fuori.

Quest’anno facciamo il campionato con tre squadre di ragazzini che in classifica non vanno molto bene perchè a volte prendono delle batoste che sono difficili da digerire.

Per far muovere le nostre bambine,che con le loro amiche,si erano ridotte una decina abbiamo formato una squadretta;fanno un torneo di “PALLAVOLO”con il C.S.I. E le portiamo a giocare in giro per la città nelle palestre delle scuole.

Hanno tutti tanta buona volontà e, con il tempo, certo si faranno ci vuole solo un po’ di pazienza e cercar di far loro capire che si devono solo divertire e cercare di andare d’accordo. Sopratutto vogliamo loro insegnare che, a perdere, bisogna saper fare, più che saper giocare!!.

Renato Fattori

Commenti

Aggiungi un commento

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up