L’è carg cumè la svèglia

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lundè dó Mèrz
(Lunedì due Marzo)
———–
L’è carg cumè la svèglia.
(È carico come la sveglia.
Significa che basta poco per farlo scattare.)
———–
I prèt e i frè in vó cantè se i quatrèin in sèint sunè!.
(I preti e i frati non vogliono cantare se i soldi non sentono suonare!.)
———-
Amór e gelosia i và spès in cumpagnia.
(Amore e gelosia vanno spesso in compagnia.)
———-
Fugàràza e luna ad Mèrz una spiga la fà un bèrc,un bèrc una barchèta e una zèst a ad òva sèca.
(Fogheraccia e luna di Marzo,una spiga fa un barco,un barco una barchetta e una cesta di uva secca.)
———-
O bèl zumnót che t’è che bèl scióp,ló un si brùsa e l’à e fóg ma dós.L’è l’azarèin clè quèrt si mi suspir,me at vói bèin e àn pós gnènca dil!.
———-
(O bel giovanotto che porti quèl bel schioppo,lui non si brucia e ha il fuoco addosso.È l’acciarino che è coperto con i miei sospiri,ti voglio bene e non posso neanche dirlo!.)
———–
Tè tci nèd quant che la luna la avèva e sghèt.
(Te sei nato quando la luna aveva il seghetto.Sei nato in un brutto quarto di luna.)
———
Bòna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
———–
Cumè che us dís in italièn
la parola”CÒSA”?
———–

Renato Fattori


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento