L’èra tènt ignurènt che batèva la tèsta in t’è mur

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mércul vintót Znèr
(Mercoledì 28 Gennaio)
———-
Adès ló e chèmpa t la grasèina,ma l’à finì agl’anusi ènca ma Bacóc che ui n’avèva sèt sulér e un magnèva una e dè!.
(Adesso lui vive nell’abbondanza,ma sono finite le noci anche a Bacóc che ne aveva sette solai e ne mangiava una al giorno!.
È necessario stare sempre attenti a non sperperare!.)
———–
L’èra tènt ignurènt che batèva la tèsta in t’è mur.
(Era tanto ignorante che sbatteva la testa nel muro.
Era tanto stupido da incaponirsi in cose impossibili.)
————
Sènza di nè tènt e nè quant!.
(Senza dire nè tanto nè quanto!.Senza dire niente,nemmeno una parola di avvertimento.)
———–
In stà chèsa l’è sèmpra quarèsma.
(In questa casa è sempre quaresima.Si mangia sempre di magro,poco e male.)
———–
Trumbé,trumbé che a l’àvi ciapè la trumbéda!.
(Fregate,fregate,alla fine l’avete presa la fregata!.Spesso la disonestà si ritorce contro sè stessi.)
———–
Bèl o brót,i quatrèin i fà bèl tót!.
(Belli o brutti,i soldi fanno belli tutti!.)
———–
Bòna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
————
Sa vól di la parola”INZGHÈS”?
————


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento