Lundè vintinòv Dicèmbre: A gni scap

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lundè vintinòv Dicèmbre
(Lunedì ventinove Dicembre)
———-
A gni scap.
(Non ci esco.Era il lamento del commerciante che doveva trattare la vendita a prezzi troppo bassi e non ci usciva fuori con le spese ossia ci rimetteva.)
———-
Pisè in te Batèsme .
(Pisciare nel battesimo.Quando qualcuno era perseguitato dalla sfortuna si chiedeva se aveva pisciato nella fonte battesimale durante la funzione.)
———–
Quèl e màgna se pidriul!.
(Quello mangia con l’imbuto!.Mangiare in fretta e furia.)
———–
Us magnaría ènca la liberaziòun dla vaca!.
(Si mangerebbe anche la placenta della vacca!.Un tempo,i vecchi contadini,mangiavano di tutto.L’ultima impensabile cosa era la placenta.)
———-
E chèn ad Burdóun u s’è struzè sla mèscla nä s’àl lasagni.
(Il cane di Burdóun si è strozzato con il mestolo,non con le lasagne.Era un modo di dire che non gli davano da mangiare e quindi ingoiava di tutto per la gran fame!.)
———-
Bòna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
———–
Sa vól di la parola”GAJUN”?
———–

Renato Fattori


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento