Mércul quatre Mèrz: Bòna zurnèda ma tót!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mércul quatre Mèrz
(Mercoledì 4 Marzo)
———
Me lóm d’una candlèina ènca e rèmul e pèr farèina.
(Al lume di una candelina anche la crusca sembra farina.
Di notte tutto è falsato e può apparire più bello.)
———–
Quand che us fasèva e bèrc l’èra usènza d’amazè”l’arlóz”
chl’èra e gàl da “smèinta”.
Quando si faceva il barco per la trebbiatura era usanza di uccidere “l’orologio”che era il
“gallo da seme”.
Questa usanza ricordava un antico rito pagano.
———–
Insugnè un frót fóra stasóun l’èra sgrèzia o cunsultaziòun !.
(Sognare un frutto fuori stagione portava disgrazia o consolazione.Era comunque portatore di qualche novità.)
———-
A Furlè per balè,a Faenza per fiscè,a Ravèna per cantè,a Rèmin per nudè e per magnè!.
A Forlì per ballare,a Faenza per fischiare,a Ravenna per cantare,a Rimini per nuotare e mangiare!.
———-
Quand che dà fóra al furmighi da e furmighèr,ui è za l’àqua spèsa e paièr!.
(Quando escono le formiche dal formicaio c’è già l’acqua dietro al pagliaio.La pioggia è già molto vicina.)
———–
Bòna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
———–
Cumè che us dís in italièn
la parola”SPÈZIÈL”?.
———–

Renato Fattori


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento