Òz un gnè nisuna viamènza

Sabèt sèt Fèbrèr
(Sabato sette Febbraio)
———-
Òz un gnè nisuna viamènza!.
(Oggi non c’è nessuna intenzione di cominciare!.)
———-
Sgnurèina l’am permèt stè bal?
Um dispis a sò za só!.
(Signorina permette questo ballo?Mi dispiace sono già su!.
Ossia sono già impegnata!.)
———–
Fin che a magn i frótt l’è un gran piasèr,s’à magn la pènta l’è un gran dulòr.
(Fino a che mangio i frutti è un gran piacere,se mangio la pianta è un gran dolore.
Spendere i soldi degli interessi è un piacere,non lo è spendere il capitale!.)
———-
E vèin l’è nemig dl’om,mo l’om che scapa davènti e nemig l’è un gran vigliac,.
Il vino è nemico dell’uomo,ma l’uomo che fugge davanti al nemico è un gran vigliacco!.
———-
Al doni agl’iè cumè e pèsc :bsógna dèl via finchè l’è frèsc.
(Le donne sono come il pesce:bisogna darlo via finchè è fresco.)
———–
Quand che la dóna la fà la bughèda la dvèinta indiavulèda.
(Quando la donna fa il bucato diventa indiavolata.Quindi è bene lasciarla lavorare in pace.)
———-
Bòna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
———-
Sa vól di la parola”BISÈST?
———–

Renato Fattori

Commenti

Aggiungi un commento

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up