Categoria: Modi di dire e Dialetto Riminese

Oz a vuria pruvè ad spiéghè perchè a cuntenui a scrív sti vèc “dett dialètél”.
E prèim mutiv l’è pérchè um piès una gràn màsa e mi dialèt esénd stè l’onica lèngua che ho parlè fina i sèt àn.
E sgònd mutiv l’è avé capí che e dialèt ormai un si pò piô insgné t’àl scòli e al pardèm nu esèndie piô persòuni che il zcòr nè cantastorie che il decléma cum che faséva e grand”Giustiniano Villa”e tènt élt in zír pèr la Rumagna.
L’ónic sistema che ho truvè l’è zarchè ad”trasmètli”atràvèrs la gran semplicità di “dét dialètél”che i faséva pèrta dla cultùra e dla lengua parlèda da i nòst genitùr,nòn,bisnòn,ecc.ecc.
A nè sò se da st’àl quatri righi us pò ricavè un bràndèl ad mùrèla;mè a cùnclùd génd che al piènti l’ìn pò vìv senza radisi e,per nùn,al nost radisi l’è e “pasèd”e l’è mènda i là che vèin e nost “dialèt “.
—————–
Oggi vorrei provare a spiegare perchè continuo a scrivere questi vecchi”detti dialettali”.
Il primo motivo è perchè mi piace moltissimo il mio dialetto essendo stata l’unica lingua che ho parlato e sentito parlare fino ai sette anni.
Il secondo motivo è aver capito che il dialetto ormai non si può più insegnare a scuola e lo stiamo perdendo non essendoci più persone che lo parlano nè cantastorie che lo declamano come faceva il grande”Giustiniano Villa”e tanti altri sulle piazze della Romagna.L’unico sistema che ho trovato è cercare di “trasmetterlo” attraverso la grande semplicità dei “detti dialettali”che facevano parte della cultura e della lingua parlata dai nostri genitori,nonni,bisnonni,ecc.ecc.
Non sò se,da queste poche righe si può ricavare uno straccio di morale,io concludo dicendo che le piante non vivono senza radici e,per noi,le nostre radici sono il “passato”ed è da lì che viene il nostro “dialetto”.
RENATO FATTORI
Leggi altre frasi in dialetto sull’ebook di Sei di Rimini se

Scopri di più
Mar 01
Se Mèrz e sarà cativ ui sarà un bón Avril

Dmènga prim ad Mèrz (Domenica primo Marzo) ———- Mèrz cósmi e cúl e…

Feb 28
L’à la vója dl’àqua de mèr

Sabèt vintót Fèbrèr (Sabato 28 Febbraio) ———- L’à la vója…

Feb 27
Un è da furb cumprè la frósta prèima de caval

Vènèr vintisèt Fèbrèr (Venerdì 27 Fbbraio) ———- Àn vègh l’ora…

Feb 26
Cumè che us dis in italièn la parola”CUNDÄTA”?

Giuvidé vintisè Fèbrèr (Giovedì 26 Febbraio) ———- E fóm de camèin e…

Feb 26
“GAL E GALEINA”

E giva e gal ma la galèina:… “ Ho na voja stamateina, oh mi cara la galnina, ad…

Feb 25
L’è svèlt cumè la pórbia

Mércul vintizinc Fèbrèr (Mercoledì 25 Febbraio) ———- E sgnór e màgna…

Feb 24
La fèma la fà parlè ènca i mótt

Martidè víntiquatre Fèbrèr (Martedì 24 Febbraio) ———- In quarèsma,…

Feb 23
La tèra un tlà pórta via e vèint

La tèra un tlà pórta via e vèint!. (La terra non te la porta via il vento!.)…

Feb 22
L’à una sfiga che ui dà ad chèlz ènca al moschi.

Dmènga vintidó Fèbrèr (Domenica 22 Febbraio) ——— A fè bróta figura…

Feb 21
Se d’Avril un piuvrà pòch fig us magnarà

Sabèt vintùn Fèbrèr (Sabato ventuno Febbraio) ———- La morta dal…

Feb 20
Bsógna bàt e fèr fichè l’è chèld

Vènèr vint Fèbrèr (Venerdì 20 Febbraio) ———- Bsógna bàt e fèr fichè…

Feb 19
Daventi e mer

“ Daventi e mer “ Quant ca sò daventi e mer me a so cuntent Sia se sol che sla burasca…

Feb 19
Un s pó andè in paradis a dispèt di Sènt

Giuvidè znòv Fèbrèr (Giovedì 19 Febbraio) ———- Un s pó andè in…

Feb 18
E cóunta pió avè una bóna fàza d’una bèla pusióun

Mèrcul zdót Fèbrèr (Mercoledì 18 Febbraio) ———- E cóunta pió avè una…

Feb 17
La strèda bóna l’à n’è mai lònga

Martidè disèt Fèbrèr (Martedì 17 Febbraio) ——— La strèda bóna…