Categoria: Modi di dire e Dialetto Riminese

Oz a vuria pruvè ad spiéghè perchè a cuntenui a scrív sti vèc “dett dialètél”.
E prèim mutiv l’è pérchè um piès una gràn màsa e mi dialèt esénd stè l’onica lèngua che ho parlè fina i sèt àn.
E sgònd mutiv l’è avé capí che e dialèt ormai un si pò piô insgné t’àl scòli e al pardèm nu esèndie piô persòuni che il zcòr nè cantastorie che il decléma cum che faséva e grand”Giustiniano Villa”e tènt élt in zír pèr la Rumagna.
L’ónic sistema che ho truvè l’è zarchè ad”trasmètli”atràvèrs la gran semplicità di “dét dialètél”che i faséva pèrta dla cultùra e dla lengua parlèda da i nòst genitùr,nòn,bisnòn,ecc.ecc.
A nè sò se da st’àl quatri righi us pò ricavè un bràndèl ad mùrèla;mè a cùnclùd génd che al piènti l’ìn pò vìv senza radisi e,per nùn,al nost radisi l’è e “pasèd”e l’è mènda i là che vèin e nost “dialèt “.
—————–
Oggi vorrei provare a spiegare perchè continuo a scrivere questi vecchi”detti dialettali”.
Il primo motivo è perchè mi piace moltissimo il mio dialetto essendo stata l’unica lingua che ho parlato e sentito parlare fino ai sette anni.
Il secondo motivo è aver capito che il dialetto ormai non si può più insegnare a scuola e lo stiamo perdendo non essendoci più persone che lo parlano nè cantastorie che lo declamano come faceva il grande”Giustiniano Villa”e tanti altri sulle piazze della Romagna.L’unico sistema che ho trovato è cercare di “trasmetterlo” attraverso la grande semplicità dei “detti dialettali”che facevano parte della cultura e della lingua parlata dai nostri genitori,nonni,bisnonni,ecc.ecc.
Non sò se,da queste poche righe si può ricavare uno straccio di morale,io concludo dicendo che le piante non vivono senza radici e,per noi,le nostre radici sono il “passato”ed è da lì che viene il nostro “dialetto”.
RENATO FATTORI
Leggi altre frasi in dialetto sull’ebook di Sei di Rimini se

Scopri di più
Feb 16
Dal vòlti e capita ròbi che al tó l’umór me pèn

Lundè sèg Fèbrèr (Lunedì 16 Febbraio) ———- La tèra la fèrma tót,ènca…

Feb 15
Se Fèbrèr un sfèbrarèza Merz un smatèza

Dmènga quing Fèbrèr (Domenica 15 Febbraio) ———- Se Fèbrèr un…

Feb 14
Quèrzti bèin che stà matèina us bóbla de frèd

Sabèt quatòrg Fèbrèr (Sabato 14 Febbraio) ———- Osta ad brutòrie…

Feb 13
E sumar du cl’è caschè una volta un casca pió

Vènèr trèg Fèbrèr (Venerdì 13 Febbraio) ———- Ui è San vèzz e San…

Feb 12
L’èrba catíva l’an mór mai

Giuvidè dòg Fèbrèr (Giovedì 12 Febbraio) ———- L’èrba catíva…

Feb 10
L’è andè fra e bóst e la camisa

Martidè diès Fèbrèr (Martedì dieci Febbraio) ———- L’è andè fra…

Feb 09
Se us tróva un èg infilèd e su guai l’è za pasèd

Lundè nòv Fèbrèr (Lunedì 9 Febbraio) ——— Tirèd drè la pòrta.…

Feb 08
La vita bsógna afruntèla a mus dur

Dmènga òt Febrèr (Domenica 8 Febbraio) ———- Una má la è bóna a pansè…

Feb 07
Òz un gnè nisuna viamènza

Sabèt sèt Fèbrèr (Sabato sette Febbraio) ———- Òz un gnè nisuna…

Feb 06
La fazènda la s’ingarbòglia

Vènér sé Febrér (Venerdì 6 Febbraio) ——— La fazènda la…

Feb 05
Ho una gran voja ad rómp i bambòz

Giuvidè zinc Fèbrèr (Giovedì 5 Febbraio) ———- Andè via a tambur…

Feb 04
Quèi i stà bèin,i lavora te su,iè pusidèint

Mércul quatre Fèbrèr (Mercoledì 4 Febbraio) ———- Quand che un…

Feb 03
Quand che us fa una roba bsógna ès dicis

Martidè tre Febrèr (Martedì tre Febbraio) ——— Quand che us fa una…

Feb 02
E dè bèl us cnós da la matèina prèst

Lundè dó Febrèr (Lunedì due Febbraio) ——— Per…