Vènèr víntiquatre Utóbre

Vènèr víntiquatre Utóbre

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vènèr víntiquatre Utóbre
(Venerdì 24 Ottobre)
———-
L’amór e pó scanzlè e tèimp,
e tèimp e pó scanzlè l’amór !.
———
Una volta us andasèva a fé e bagn in te pòrt!.
(Una volta si andava a fare il bagno nel porto!.)
———-
Zcör sa te l’è cumè zcör s’un mur!.
(Parlare con te è come parlare con un muro!.)
———-
Ch’in sa fé l’azdór e fnèsc i quatrèin prima ad santi l’amór!.
(Chi non sa condurre la casa,finisce i soldi prima di sentirne il sapore!.)
———-
Quand che l’azdôra la và in campagna l’è pió quèl clà pèrd ad quèl clà guadagna!.
(Quando la reggitrice-massaia-va in campagna è più quello che perde di quello che guadagna!.)
———-
Se tvó avdè una bôna azdôra fàla zcór quand cl’à lavôra!.
(Se vuoi vedere una brava conduttrice-massaia-devi farla parlare quando lavora-non doveva parlare lavorando-!.)
———-
Quand che l’azdôra la fà la bughèda,sl’à amàza una pèrsóuna,la è bèin scusèda!.
(Quando la massaia fa il bucato,se uccide una persona è scusata-non ammetteva essere disturbata-!.)
———-
Ch’ut vègna un azidèint!Cum ‘t stè Pitrin?.
(Che ti venga un accidente!Come stai Pietro?-era una tipica imprecazione amichevole
romagnola ad un amico che non si vedeva da tempo!.)
———–
Bòna zurnèda ma tót !.
(Buona giornata a tutti!.)
————

Renato Fattori


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continuate a mandarci i vostri suggerimenti nella sezione commenti di seguito

0 visualizzazioni giornaliere | 2 visualizzazioni mensili | 14 visualizzazioni totali

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Translate »