Zòbia trèg Nuvèmbre

Zòbia trèg Nuvèmbre
(Giovedì 13 Novembre)
———-
Quèla la fà la “brèca”!.
(Quella fa la “bricca”che è la femmina dell’asino.Non era raro vederla rotolare e rigirarsi nell’erba;il detto era riferito a donna di facili costumi!.)
———-
I prèt e j’avuchèd,quand ch’i j’à ciap i è ciapèd!.
(I preti e gli avvocati,quando li hanno presi,i soldi,sono pigliati!.)
———-
Ui n’à fàt pió che nè Carlèt in Frènza!.
(Ne ha fatte più di Carlo in Francia!.Il riferimento è a Carlo Magno re dei Franchi che ha fatto tante imprese più o meno buone.)
———–
Al ragàzi si pi “róss”!.
(Le ragazze con i piedi “rossi” erano quelle che rimanevano,a lungo in piedi a fare”tappezzeria”,attorno al muro,nelle feste da ballo.)
———-
Clà ragàza ormai la è”incaièda”!.
(Quella ragazza ormai non riesce più a maritarsi!.)
———–
La fióla ad Palin e bróz l’àn l’à vlù e la caróza l’an è mai pàsa!.
(La figlia di Paolo il biro ciò non lo ha voluto e la carrozza non è mai passata!.Ossia è rimasta zitella.)
———–
Trè doni e quèlch piàt e marchè l’è fàt!.
(Tre donne e qualche piatto e il mercato è fatto!.)
———–
La s’è mèsa al schèrpi dla su ma’!.
(Si è messa le scarpe di sua mamma!.Ossia comincia a darsi atteggiamenti da signorina.)
———-
Bòna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
————

Renato Fattori

Commenti

Aggiungi un commento

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up