Zòbia vint Nuvèmbre

Zòbia vint Nuvèmbre
(Giovedì 20 Novembre)
———–
Da burdèl um piasèva fèm lichè la mèna da la lèngua róvda de vidèl!.
(Da bambino mi piaceva farmi leccare la mano dalla lingua ruvida del vitello!.)
———-
Ma ‘i as e mi caplètt un ‘s dis mai ad no.
(Agli assi,delle carte da gioco,e ai cappelletti non si dice mai di no.)
———-
Un ha mai magnè una sópa chèlda!.
(Non ha mai mangiato una zuppa calda!.Non si è mai concesso nulla per avarizia.)
———-
Pèz la va mèi l’às armidia.
(Peggio và meglio si rimedia!.)
———–
Òz ui tira e cúl,mo’ pièn pièn,l’ai pasarà!.
(Oggi gli tira il culo,ma piano piano,gli passerà!.)
———–
O us bàla o us smèina e cúl !.
(O si balla o si dimena il culo!.Quando non ci si può sottrarre ad una situazione non voluta.)
———-
A cavè e nu mètt e vèn e mèl de sècc!.
(A levare senza mettere viene il male del secco!.Spendere senza incassare si rimane a secco.)
———-
Fa sèmpra quèll che è prèt e dís,no quèll che è prèt e fa!.
(Fà sempre quello che il prete dice,non quello che il prete fà!.)
———–
E vènt e suga e l’àqua la bàgna;e Signór ui fa e pú ui acumpàgna.
(Il vento asciuga e l’acqua bagna;il Signore li fà poi li accompagna!.)
————
Bòna zurnèda ma tót!.
(Buona giornata a tutti!.)
————

Renato Fattori

Commenti

Aggiungi un commento

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up