A MARÈINA IN BICICLÈTA

Condividi
  • 56
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A MARÈINA IN BICICLÈTA

E’ rimnéš che camèina,
e’ va a pid a marèina,
zà che a mòvse e’ fa bèin
sèimpre che e’ stàga všèin.

Chi sta sóra la fèruvia,
u n’à mòdi ne èltra via
d’ andèj sla biciclèta,
ch’u n’è miga ‘na dišdèta.

Òz cmè òz us pidèla 
d’asdè sóra la sèla,
s’una pèsta furmidàbila
fata apòsta, la ciclàbila.

E sla bici us capès,
che t arìv ilé t un šbréss,
ta n’è gnènca pu la sfiga
d’avè fat tènta fadiga.

Ta la las du che las mèt,
tla rastlira se luchèt,
bèin alghèda sna cadèina,
ch’it la cèva ènca a marèina.

Ènziché sla biciclèta,
qualcun e va in lambrèta,
o sina se muturòun
pr’ e’gòst da fè e’ šburòun.


A MARINA IN BICICLETTA

Il riminese che cammina,
va a piedi a marina,
già che a muoversi fa bene,
sempre che stia vicino.

Chi sta sopra la ferrovia,
non ha modo ne altra via,
di andarci con la bicicletta
che non è mica una disdetta.

Oggi come oggi si pedala
seduti sulla sella,
con una pista formidabile,
fatta apposta, la ciclabile.
E con la bici si capisce
che arrivi lì in uno attimo,
non hai neanche poi la sfiga,
di aver fatto tanta fatica.

La lasci dove si mette,
nella rastrelliera col lucchetto,
ben legata con la catena
che te la fregano anche a marina.

Anzi che con la bicicletta
qualcuno va in lambretta,
o se no col motorone 
per il gusto di fare lo spaccone.

 

Ivano Aurelio Muratori


Condividi
  • 56
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento