“Auton…” (autunno) di Luciano Lucien Monti

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Auton…”

Auton, senza che al foj li te dèga
tat spoi ma tan t’vargogn per gnint
cumè na bela dona ch’las
bandona mal nost voj chèldi ad ir.
Sora che bel lanzul ad culur
che tas rigal cus rusga e cor
e ilè me sol che fa bus bus
tra al rémi svuidi se respir di raz
chi s’indurmenta strac de viaz
tas las la pésa cl’ha d’amnì piò aventi.
Auton fa che sti timp in s’brusa
isè ala svelta e che i tu frot
prest po i dventa piènta…

” Autunno …”

Autunno, senza che le foglie te lo dicano
ti spogli ma non ti vergogni
come una bella donna che si
abbandona alle nostre voglie calde di ieri.
Sopra quel bel lenzuolo di colori
che ci regali che ci rosica il cuore
e li al sole che fa capolino
tra i rami vuoti col respiro degli uccelli
che si addormentano stanchi del viaggio
ci lasci la pace che deve arrivare in futuro.
Autunno, fa che questi tempi non si brucino
così alla svelta e che i tuoi frutti
presto poi diventino pianta…


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    Aggiungi Attività