E’ RUMAGNUL di Aldo Spallicci.

Condividi
  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

’ Signor, fat e’ mond,e’va un po in zir
E cun San Pir e’ passa do parol;
e intant ch’j è int una presa,u i fa San Pir: 
“La Rumagna t’lè fata e e’ rumagnùl?

Ui vo dla zenta sora a sti cantìr,
t’a n’vrè zà fè la mama senza e’ fiul”?
“ Me a t’e’ farò, mo l’ha dal bròt manir
e a j ho fed ch’u n’gni azova gnianca al scòl”.

E’ daset ad chelz par tèra cun un pè
E e’ faset saltè fura ilè d’impèt
E’ vigliacaz de’ rumagnul spudè.

In mang ad camisa , svidurè int e’ pèt,
un caplìn rudè com un fatòr;
“ A so qua mè, ciò, boia ded’ S…..!”

_______________________

Il Signore ,fatto il mondo,va un po in giro 
e con San Pietro scambia due parole,
e mentre sono in un podere ,gli fa San Pietro:
“La Romagna l’hai fatta,e il romagnolo?

Ci vuol gente sopra questi campi ,
non vorrai mica fare la mamma senza il figlio?”
”Io te lo farò, ma ha brutte maniere,
e credo che non gli giova nemmeno la scuola”.

Dette un calcio per terra con un piede
e fece uscir fuori lì dirimpetto 
il vigliaccaccio del romagnolo sputato.

In maniche di camicia, sbottonato sul petto,
un cappellaccio a ruota come un fattore;
“Sono qua io, allora, boia del S….!

 

ALDO SPALLICCI


Condividi
  • 13
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento