L’Abrunzadura

Condividi
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’ ABRUNZADURA

S’a si biènc per natura
u vi vò n’abrunzadura,
d’instèda la j’è idéèla
per ténz tóta la pèla.

L’è ‘na ròba che las fa
zà da un’ ètèrnità,
da stéš o meda rét
cun i raz ultraviulét.

Per ciapèi u n’è fadiga,
ui vò sultènt la briga
da diglie me bagnin,
ch’uv mèt sóra un litin.

Ilé meda che pòst,
pièn pianin av cušì aròst,
av zirè ògni minut,
sèinza bšägn d’nisun aiut.

Pr èss nèr cmè e’ carbòun,
unzìv sl’ òglie pjó bòn,
nu druvè maj dla purchèra,
o dal crèmi tèra tèra.

S’ an vi muvì meda d’ilé,
sna dòp tré quatre dé,
avì la pèla tót’arfata 
de culòr dla ciculata.


L’ABBRONZATURA

Se siete bianchi per natura,
vi ci vuole un abbronzatura,
d’estate è ideale,
per tingere tutta la pelle.

È una cosa che si fa
già da un’eternità,
da stesi o da in piedi,
con i raggi ultravioletti.

Per prenderli non è fatica,
ci vuole soltanto la briga
di dirlo al bagnino
che vi mette sopra il lettino.

Lì da quel posto,
pian pianino vi cuocete arrosto,
vi girate ogni minuto,
senza bisogno di nessun aiuto.

Per essere neri come il carbone,
ungetevi con l’olio più buono,
non adoperate mai la porcheria,
o le creme terra terra.

Se non vi muovete da di lì,
solo dopo tre quattro giorni,
avete una pelle tutta rifatta
del colore della cioccolata.

 

Ivano Aurelio Muratori


Condividi
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento