Mèrz

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ilà sora un grèp, un campanil tramèza e grèn e guardeva d’insò vèrs e cér, e una combricola ad novli spauridi, al curiva sora i gèrmoj dal vidi, che i ducéva e sol ad mèrz…
E vènt still cumè e respir d’un burdlin, e muviva al fujtini ad dl’èrba rusga de frèd dl’invèrni sguasi pas, che al paréva i parpitli ad méll madoni strachi, e tot d’intorna e vulèva i mi pensier e ad quei che ancora iéra viv, se, perchè spèsa e bosch ad spèin, uiéra anche i pensier, ad quei che adès in n’è piò drèint tla su chérna viva….
D’intorna tra al piscoli d’aqua svégia da poch, a gl’ombri di mi pas al balèva, cumè che balèva, la cudina biénca e nira du n’alégra scudazèina, sora una zòpa ad tera ròvda…
Piò inlà a praria, sora un canéd ad stréss, e sbusèva fora un razitin ad sol mèz invurnid de son, che sparguiéva me vènt e su tèpor senza tènta voja, e zò zò, a gl’ombri gòzi dal punti ad cana, al zughéva ma tera, si fiur mèz cius d’un prè ad margheritini culor dl’aquadéza: insoma, ad che vinèl che i biviva i purét…
Una lusèrtla, ma de su bus t’un tronch a d’ojmi, la guardeva in zir scrullénd la su tistina culor dla sènva, chisà anche lia cumè mè, ilé, at che chémp, cus cla panséva…
I mi pensier e quei ad cla lusèrtulina, forse i n’andeva da nisuna pèrta, però, a zarchémi sultènt na roba: quela da viv cuntènt ad che bel rigal, cl’era la nosta vita, mè e lia insèin at cla mèravéja ad mond: lia sal su zampèti tachedi ma cl’elbri, e mè si pi puzèd ma tera… mentre adès, e lusiva tot per nun, sora che campanil infilzèd te grèp cumè un cavej; che sol sfazèd e birb ad ste dolz més di fugh ad San Jusef…

Luciano Monti , guasimitàmerzdumelaequeng

“ Marzo …”
La sopra un grèppo, un campanile in mezzo al grano guardava all’insù verso il chiaro, e una combriccola di nuvole spaurite, correvano sopra i germogli delle viti, che adocchiavano il sole di marzo…
Il vento sottile come il respiro di un bimbo, muoveva le foglioline d’erba rosicchiate dal freddo dell’inverno quasi passato, che sembravano le ciglia di mille madonne stanche, e tutt’intorno volavano i miei pensieri e di quelli che ancora erano vivi, si, perchè dietro il bosco di spini, c’erano i pensieri, di quelli che adesso non sono più dentro la loro carne viva…
Attorno tra le pozzanghere di acqua da poco sveglia, le ombre dei miei passi, ballavano, come ballava, la codina bianca e nera di un’allegra ballerina, sopra di una zolla di terra ruvida…
Più in là, sopra un canneto, di striscio sbucava un piccolo raggio di sole mezzo intontito dal sonno, che spargeva al vento il suo tepore senza tanta voglia, e giù giù, le ombre aguzze delle punte di canna, giocavano a terra, con i fiori socchiusi di un prato di margheritine, colore dell’acquaticcio: insomma, di quel vinello che bevevano i poveretti…
Una lucertola, dal suo buco in un tronco d’olmo, guardava in giro scrollando la testina color senape, chissà anche lei come me, lì, in quel campo, cosa pensava…
I miei pensieri e quelli di quella lucertolina, forse non andavano da nessuna parte, però , cercavamo soltanto una cosa: quella di vivere contenti di quel bel regalo che era la nostra vita, io e lei assieme in quel meraviglioso mondo: lei con le sue zampette attaccate all’albero, ed io con i miei piedi appoggiati a terra… mentre adesso, luccicava tutto per noi, sopra quel campanile infilzato nel greppo come un foraterra, quel sole sfacciato e birbo di questo dolce mese dei fuochi di San Giuseppe…
Luciano Monti, quasimetàdimarzoduemilaequindici


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento