Una mia poesia per tutti gli amanti del mare e del dialetto… Luciano Monti

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’era bel

Com cl’era bel e mi mer quant ca sera burdel, si zuclet ad legn ti pi e se suris te cor, at cla sabia cl’aveva l’udor di mi an gris, mentre l’onda las buteva straca e trimenta sla sponda sora al cozli dal purazi e di canel, s’un son dolz cu t’acarizeva la pela com un’avemaria canteda /

 com cl’era bel nude’ dreinta at cl’acqua cera e ligera cume’ i pensier di znein, e fe al caprioli at un spana ad frescura azora, mentre tot d’intonda us vidiva lus e sguile’ al scai d’arzent di pes , che pareva chi vles zughe’ sa te, e i cavaluocc marein sa cla cudina rutuleda come una lumega ad rigurizia i galupeva arzel sora cal steli mareini, sparguiedi sla sabia onduleda cume’ t’un firmament arbelt, mentre al pisoti al steva a boca verta per la beleza ad tenta meraveja/

 com cl’era bel sughes me solatein cheld e pulid ad ca gl’instedi, distes sora cla porbia d’or e insugne’ d’ave’ acora zent an d’amor da campe’ tra un onda e cl’elta , tra un bes e un ent che t’dev ma chi t’vuliv un mer ad bein…

“dedicheda ma la mi ma e me mi ba…” Luciano monti settembre 2014

Era bello

Come era bello il mio mare quando ero bambino, con gli zoccoletti di legno nei piedi ed il sorriso nel cuore, in quella sabbia che aveva l’odore dei mie anni acerbi, mentre l’onda si gettava stanca e tremante sulla sponda sopra i gusci delle vongole e dei cannolicchi, con un suono dolce che ti accarezzava la pelle come un’ave maria cantata/

 come era bello nuotare in quell’acqua chiara e leggera come i pensieri dei piccoli, e fare le capriole in uno spanna di frescura azzurra, mentre tutto attorno si vedevano luccicare e scivolare le scaglie d’argento dei pesci, che pareva volessero giocare con te, e i cavallucci marini con quella codina arrotolata come una chiocciola di liquirizia galloppavano arzilli sopra le stelle marine, sparse sulla sabbia ondulata come in un firmamento ribaltato, mentre al “pisoti” (una specie di bivalve dalla lingua color rosso fuoco) stavano a bocca aperta per la bellezza di tanta meraviglia/

 come era bello asciugarsi al sole caldo e pulito di quelle estati, disteso sopra quela polvere d’oro e sognare di avere ancora cento anni d’amore da vivere tra un onda e l’altra, tra un bacio e un altro che davi a chi volevi un mare di bene…

“ dedicata a mia mamma e a mio babbo …” Luciano Monti settembre 2014

Scopri di più su Luciano Monti


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento